Area riservata



« Galleria Artisti Contemporanei

Sala 05

Andrea Sansone

Andrea Sansone

Nasce a Matera nel 1973. Nel '92 segue un corso triennale alla Scuola del Fumetto di Monza. A Milano ha la possibilità di frequentare diverse botteghe di decorazione e restauro, dove impara le diverse tecniche. Nel suo cammino artistico, spazia nelle diverse tecniche pittoriche, cimentandosi anche con diversi lavori di scultura (in legno e marmo). Amante del Rinascimento e in particolare di Michelangelo, al quale si ispira per molti lavori sia a livello tecnico che iconografico, attualmente ha aperto "Il Laboratorio dei Sogni “. 

Paola Bonsignore

Paola Bonsignore

Sono nata a Genova il 12.10.1961, risiedo a Chiusavecchia in provincia di Imperia immersa nel verde delle colline con la mia famiglia. Da sempre mi appassiona la fotografia e la pittura alcune immagini mi danno l'emozione per dipingere e ricrearle sulla tela, soggetti preferiti il mare, gli animali, volti, donne persone che riflettono stati d'animo. Sono autodidatta, prediligo i colori acrilici su tele e cartoncini.
Potete trovare le opere dell'artista nel sito web personale paolabonsignore.webartgallery.it e scriverle a paolabonsi@libero.it

Gianluca Poli

Gianluca Poli

Gianluca Poli vive a Parma, città dove è nato e dove ha seguito gli studi artistici al locale Liceo artistico. Ha preso parte a manifestazioni e concorsi nel territorio nazionale conseguendo lusinghieri riconoscimenti, da ultimo, nel gennaio 2008, alla Biennale di Roma.

Note critiche

Guido Trabini di Ferrara: “Di impronta figurativa, dal segno netto e preciso, una pittura sensibile ai valori cromatici e tonali caratterizzata dalla nitidezza oggettiva delle immagini e dall’equilibrio compositivo, una pittura nella quale aleggia un’atmosfera lirico-intimista.”

Franco  Pesci di Parma:  “Si sa’, una scultura non è un’immagine, è un corpo. Ma nemmeno per Gianluca Poli i corpi sono immagini, sono piuttosto sculture o come avrebbe detto Pierre Restany, ‘relais sociologique au stade essentiel de la comunication’.
I contorni marcati, le silhouettes che non hanno un senso finito, il poco colore dell’incarnato per dire che la scultura è viva, gli intrecci tra anima e corpo, tutto è condotto come in un gioco surreale di comunicazione collettiva, dunque più memore di Dalì che del nostro realismo espressionistico, più attento all’inconscio che all’espressione, i personaggi quasi  per nulla storicizzati, paiono  provenire dall’inconscio (non so da dove viene) o dal mito. C’è quasi un senso di sperimentazione in quel combinarsi di corpi, indefinibile con le categorie consuete, teso a determinare  una nuova dimensione di equilibrio instabile, si tratta pur sempre di un reale percepito in se’ di uno sguardo verso l’incompiuto o l’impossibile. La grafia sottile esalta l’accademia,  segue il ritmo difficile, i giochi delle ombre si dipanano dove ci si perde a guardare, nei momenti della classicità, nelle architetture dove abitano le emozioni. L’eleganza è data dall’equilibrio fra segno e colore.”

Graziella Lizzari

Graziella Lizzari

Residente in provincia di Verona, fin da giovane ha iniziato dipingendo “nature morte” di cui conserva ancora le opere. L’interesse e l’amore per l’Arte, la portano negli anni a seguire, a frequentare i corsi liberi all’Accademia Cignaroli di Verona, dedicando tutta la sua vita alle passioni della pittura e della moda. Predilige e si cimenta nelle tecniche del “realismo” e dei ritratti, specialmente a sfondo etnico, senza tralasciare l’amore per i pittori francesi e Olandesi quali Renoir e Wermeer, dei quali dipinge copie di loro quadri famosi. Amante della moda, per professione, si esprime nel figurinismo su tela, dipingendo sfilate e creazioni sartoriali. Negli ultimi anni, con quadri premiati in alcuni concorsi nazionali e internazionali, esplora con successo la “realtà fotografica pittorica” e “l’iperrealismo” non freddi e asettici, ma ricchi di luci e ombre così come di velature e passaggi tonali, dimostrando una notevole capacità analitica e soprattutto una maestria squisitamente pittorica.

 

Riconoscimenti artistici
Concorso Internazionale d’Arte Milano 2012 – Galleria Eustacchi 5° classificato
Concorso Internazionale d’Arte Milano 2013 – Galleria  Canovi Arte riconoscimento artistico
Concorso Nazionale “Emozione Natura 2013 – Galleria Eustacchi premio speciale giuria
Concorso Internazionale “Valpolicella” 2013 -  Verona 3° classificato 
Concorso Internazionale “Epifania” 2014 -  Milano 3° classificato
Concorso Internazionale d’Arte Milano 2014 -  Galleria Eustacchi 2° classificato
Concorso Internazionale pittura Torino 2014 -  Galleria GAM segnalazione Giuria
Concorso Ad - Art  “Il ritratto nell’Arte” 2014 1° classificato premio “Critica”
Concorso Ad - Art “29° 2014 3° classificato premio “Artisti”
Concorso internazionale “Emilio Salgari 2014 -  Valpolicella VR 1° classificato
Concorso Nazionale “Arti figurative”  2014 -  Accademia S. Sara AL 1° classificato 
Concorso Ok – Art   “30” 2015 1° classificato 
Concorso nazionale Pitt-Art  online 2015 1° classificato
Concorso Ok – Art  “33” 2016 1° classificato premio “Artisti” 
Concorso Ok – Art “concorso “web 33” 2016 1° classificato premio “Critica”
Concorso Internazionale “WEBARTEXPO 2016” 2016 1° classificato premio ‘’Arte Dinamica’’
Concorso Internazionale “FOMENAR” Espana 2017 – Roma Galleria Arte Borgo finalista con esposizione a Roma
Concorso nazionale “Golden  Art” 2017 3° classificato premio  “Critica”
Concorso Internazionale “WEBARTEXPO 2017” 2017 – The best artist web 2017 1° classificato premio ‘’Arte Critica

 

Titoli
Diploma d’Onore e Titolo di Benemerita dell’Arte Italiana (Rilasciato dall’Accademia S. Sara di Alessandria) 


Mostre
Mostra “Arte in riva all’Arno” Pisa 2013 
Mostra “Borghi di Pietra” valpolicella VR 2013 e 2014
Mostra  “Rassegna del cinema di Bosco Chiesa Nuova” 2014  
Mostra  “Città di Cordignano” Treviso 2014

Mostra  “L’Arte racconta i Quartieri”  VR 2014

Personale di 40 opere a “Circolo Ufficiali “ Castelvecchio – Verona 2015 
Mostra “Vino e Arte” Negrar Verona 2015
Personale di 14 opere alla Biblioteca di  Negrar - Verona 2015
Personale di 7 opere  “Museo della radio” Verona   2015
Mostra personale permanente dell’opera “Maria Callas in Violetta” al “Museo della radio” di Verona
Mostra Accademia Cignaroli “Percorsi convergenti” - S. P. in Monastero – Verona 2015
Mostra Web Art Expo “Odissea nell’arte” 2015
Mostra “Amar la pittura” Accademia Cignaroli - Palazzo Maniscalchi - Verona 2015
Mostra “Esperienze” Accademia Cignaroli – Palazzo Maniscalchi – Verona 2016
Mostra collettiva Negrar “Palio del Recioto”  2016
Opere esposte alla “Galleria La Meridiana” Verona  2016
Mostra “Sulle vie della creatività” Le grandi valli veronesi – Palazzo Gran Guardia  Vr  2016
Mostra “ALL’ASTA” artisti di Verona “Omaggio al pittore Angelo Dall’Oca” Palazzo Gran Guardia Verona 2016
Mostra permanente dell’ opera “Maria Callas in Violetta” al Museo della Lirica  “Palazzo Balladoro” Povegliano VR 2016
Mostra “Maria di Nazareth – dialogo con l’Arte” nel centenario dell’apparizione di Fatima - Chiesa S. Eufemia Verona 2017


Recensioni giornalistiche
L’Arena di Verona settore Provincia e settore Cultura
L’Altro Giornale
Il Corriere dell’Arte
Cataloghi
“ Arte Città Amica”  GAM di Torino 2014
“ Arte in riva all’Arno”  Pisa 2014
“ I grandi Maestri dell’Arte nel XXI Secolo” 2014 - 2015 
“ Yoo-Art Repertorio Internaz. Artisti” catalogo EXPO Milano 2015
“ L’Arte racconta i Quartieri” Vr. 2014  
“ Montmartre” a Chiesa Nuova 2015
“Contemporary Art Collection vol.1° ” (pubblicazione su tutti gli E:book online)
“Dall’Oca fra noi”  opera d’Arte x Angelo Dall’Oca Bianca – Palazzo Gran Guardia - Verona 2016
“FOMENAR”price 2016  Spain 2017 primera ediciόn

 

Recensione Critica su “I grandi Maestri dell’Arte nel XXI Secolo 2015” recensione del Critico d’Arte Flavio De Gregorio
Una  visione intrisa da  elementi suggestivi, nel cui rapporto  con  la mimesi  sono  reattive  le  forme e le  condivisioni    soggettive proprie dell’eloquente dettato  espressivo grazie al quale la pittrice Graziella Lizzari  favorisce in  una  sorta    di  polifunzionalità cromatiche il bello e l’estrema eleganza nel rappresentarne gli adorni e molteplici  discorsi pittorici. Su tale condizione emotiva dell’autrice, l’efficacia del viaggio imitativo, suggestivamente promosso dalla pittrice rende  ancora di più ,  per i vivi e consoni  legami  costruttivi,  da cui appunto  si  annoverano, compatibilmente  alla  tematica    figurativa,  le  modulazioni  cromatiche,  atte a  favorire   nel  personale  modello  imitativo, le  sezioni  concrete che, la    verosimigliante realtà,contribuisce ad  espletarne i cardini prioritari con  cui  Graziella Lizzari  presenta  la  forma in un  sostanziale modello  curato nei  particolari per poi conferirne le singole definizioni,  poeticamente percepite in un lasso    di tempo dal quale la memoria ben contempla vivacità e nostalgia di una accattivante continuità dal sogno.                

Lucio Tomasin

Lucio Tomasin

Sono nato il 2 giugno 1958 a Cervignano del Friuli, paese della Bassa Friulana in provincia di Udine, dove vivo  con la famiglia. Diplomato perito industriale, lavoro a San Giorgio di Nogaro (UD ) in un'industria siderurgica.
Ho due grandi passioni: il baseball e l'arte, in particolare la pittura. Mi sono avvicinato alla pittura una ventina d' anni fa per curiosità e per rispolverare un ricordo  giovanile. Ho partecipato a corsi di disegno e pittura tenuti da artisti locali ma, sostanzialmente sono autodidatta. Pitturo ad olio, acrilico ed acquerello e disegno a matita e sanguigna; lavoro anche con la tempera all' uovo e l' affresco. Prediligo la pittura figurativa ed i soggetti preferiti sono i paesaggi marini e montani, i fiori, i ritratti, ispirandomi  ai due mostri sacri assoluti quali Caravaggio e Klimt.

Massimo Nardi

Massimo Nardi

Massimo Nardi, nato a Bari il 05/09/1963, si è diplomato al Liceo Artistico di Lucca, ha conseguito la Maturità di Maestro della Ceramica a Bari, si è specializzato nella scenografia lavorando con il Teatro Petruzzelli realizzando scenografie della lirica, televisione e spettacoli in genere.

Numerose sono state le sue partecipazioni in collettive e rassegne artistiche, dove si è aggiudicato premi e riconoscimenti importanti.
Hanno scritto di lui critici e giornalisti e le sue opere sono in collezioni pubbliche, private ed ecclesiastiche in Italia e all'estero.